(+39) 3405001350

Blog

Agri-BioBed®- il biobed carrabile completamente biologico

Agri-BioBed®– il biobed carrabile completamente biologico

Il prodotto

Agri-BioBed®, è un sistema filtrante biologico evoluto dai sistemi tipo biobed o bio bed, che sfrutta peculiari capacità di piante e microrganismi per la degradazione, il confinamento e l’evaporazione di residui fitosanitari e metalli pesanti presenti nelle acque reflue derivanti dal carico/scarico e lavaggio degli atomizzatori (sprayer).

Il Kit

Agri-BioBed® essendo un sistema tipo biobed completamente isolato e l’unico sistema carrabile a terra, viene dimensionato in base alle caratteristiche dell’azienda agricola e l’installazione, sotto la supervisione di un tecnico Bio Soil Expert, è semplice e rapida.

L’aspetto normativo (PAN)

Agri-BioBed®, è in linea con il Piano d’Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (Decreto Ministeriale del 22 gennaio 2014), tale misura tutela l’ambiente e gli ecosistemi.

Gli incentivi (PAC , PSR)

L’installazione di Agri-BioBed® viene sostenuta attraverso strumenti di incentivazione previsti dalla Politica Agricola Comunitaria e realizzati a livello regionale mediante varie misure dei Piani di Sviluppo Rurale.

Agri-BioBed rientra tra i dispositivi per la raccolta delle acque contaminate da prodotti fitosanitari o tra i sistemi finalizzati a ridurre l’inquinamento puntiforme.

La struttura di Agri-BioBed®

•    Buca nel terreno impermeabilizzata con appositi teli
•    BioMix addizionato con microrganismi Bio Soil Expert
•    Copertura vegetale diffusa con piante ad elevato sviluppo radicale

I vantaggi di Agri-BioBed®

•    Semplice e veloce realizzazione
•    Non richiede allacciamenti elettrici o idraulici, non presenta organi meccanici
•    Manutenzione limitata nel tempo
•    Nessun impatto paesaggistico
•    Carrabile in quanto posizionato a terra

 

biobed

Foto di un sistema Agri-BioBed dopo un anno dall’installazione

Leggi tutto

Fasce tampone

Fasce Tampone

Bio Soil Expert supporta le aziende agricole nella realizzazione di sistemi di filtraggio “radicali” per un’agricoltura sostenibile; si tratta di un’esclusiva tecnologia verde in un servizio “chiavi in mano” finalizzato alla diminuzione dell’impronta ecologica. L’Allegato III del regolamento comunitario Reg. Ce 73/2009 recepito dal DM n. 30125 del 22 dicembre 2009 e successivamente modificato con il DM27417 del 22 dicembre 2011 prevede l’introduzione delle fasce tampone quale requisito di condizionalità riguardante la protezione dei “corsi d’acqua” dall’inquinamento e dal ruscellamento provocati dall’ attività agricola.

buffer-zone

Tali fasce sono costituite da specie vegetali sia di tipo erbaceo che arboreo/arbustivo e hanno come obiettivi:

  • La riduzione dell’inquinamento dei corsi d’acqua, limitando il flusso di nitrati, fosfati e agrofarmaci utilizzati in agricoltura, attraverso la creazione di una vera e propria barriera radicale filtrante
  • Un’azione di protezione contro il dissesto idrogeologico sugli argini
  • La riqualificazione delle aree rurali mediante la creazione di rifugi per la fauna selvatica e di percorsi didattici
Leggi tutto